La mia vita e il mio lavoro

Sono nato il 5 agosto 1985 e vivo da sempre a Trecate: al di là dei suoi difetti, è l’unico luogo che sento di poter chiamare “casa”.

Conseguita a pieni voti la maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale “Carlo Alberto”di Novara, mi sono iscritto alla facoltà di Filosofia, dove ho avuto modo di proseguire il mio percorso di attività politica studentesca intrapreso già negli ultimi anni di Liceo: nel luglio 2009 ho conseguito la laurea con lode presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, discutendo una tesi di storia contemporanea, dal titolo “La questione delle foibe nella storiografia”, un tema a cui mi sono sempre sentito particolarmente legato e che avevo avuto modo di approfondire nel corso degli anni e che mi ha portato anche a essere relatore in alcuni eventi sull’argomento.

Nel settembre 2015 ho concluso gli studi laureandomi con lode presso l’Università del Piemonte Orientale, discutendo una tesi dal titolo Cittadini o consumatori? Filtri e partecipazione al tempo del web, affrontando l’ambiguo rapporto tra essere cittadini ed essere consumatori di fronte alle scelte politiche della contemporaneità, mediate dalla bolla comunicativa, avendo come obiettivo determinare quali siano i vantaggi e i limiti degli strumenti del web nel favorire una attiva partecipazione alla vita democratica, tenendo presenti e strettamente collegate le prospettive culturale, filosofica, politologica e tecnologica (l’abstract è disponibile online cliccando qui).

Professionalmente dal 2007 al 2013, ho collaborato con il Consiglio Regionale del Piemonte prima con il gruppo consiliare di Alleanza Nazionale poi presso il gruppo consiliare del Popolo della Libertà e infine nell’Ufficio di Comunicazione della Vicepresidenza del Consiglio Regionale.

Dal 2011 sono inoltre giornalista pubblicista: la passione per il giornalismo, a cui ho presto unito quella che da sempre ho avuto per le nuove tecnologie e l’informatica, mi ha portato ad aprire partita iva, trasformando la mia passione per il mondo dell’informazione in una professione.

A queste esperienze ho affiancato una solida formazione sui temi amministrativi: sono stato infatti ammesso tra i trenta selezionatissimi amministratori under 35 di tutta Italia alla prima edizione (2012-2013) della Scuola per Giovani Amministratori ANCI, l’Associazione del Comuni italiani, un’esperienza di altissimo livello, garantita dalla collaborazione di ANCI con le Università di Torino, Napoli e Roma Tor Vergata, spaziando dal diritto amministrativo all’economia applicate concretamente alla gestione di un Comune.

Con molti di questi amministratore abbiamo dato vita a una Associazione, Next Polis, che metta in rete le nostre competenze amministrative e professionali per restituire al “territorio” nelle nostre attività di ogni giorno le riflessioni che ne nascono, accomunati dall’idea che parte dei mali del nostro paese derivino da una crisi del suo vivere sociale e quindi in ultima analisi una crisi delle Città: ne è nato un libro, di cui sono co-autore, edito dalla prestigiosa casa editrice Marsilio Editori: “Next Polis, idee per la #cittàdidomani” (acquistabile su Amazon), il cui evento di presentazione si è svolto nel setttembre 2015 alla Camera dei Deputati.

La mia militanza politica

Mosso da un desiderio di partecipazione e una voglia di cambiamento che tuttora mi caratterizzano, ho assunto presto un ruolo attivo nella politica.

Da sempre convinto assertore dei valori di una Destra sociale e identitaria, comunitaria e popolare, tradizionale e nazionale, nel 2002 mi sono avvicinato ad Alleanza Nazionale e al suo movimento giovanile, dei quali ho fatto parte sino al loro scioglimento nel 2008, quando il mio partito ha deciso di confluire nel Popolo della Libertà: nel febbraio 2012, con la celebrazione dei congressi del partito, sono stato eletto membro del Coordinamento Provinciale e mi sono occupato del Settore Elettorale del partito sino al giorno suo scioglimento.

Nel 2014 aderisco formalmente alla rinata Forza Italia, proseguendo con coerenza il percorso intrapreso da oltre dieci anni: già membro per nomina del Coordinamento Provinciale del partito, a fine 2015 vengo eletto nel Coordinamento Cittadino di Trecate, appoggiando la lista che ha eletto coordinatore l’amico Giorgio Capoccia (oggi Vice Sindaco della nostra Città), e subito dopo sono l’unico trecatese a essere riconfermato nell’incarico nel primo Coordinamento Provinciale di Forza Italia elettivo.

Da tempo sono attivo nell’Associazione politico-culturale “Orizzonte Ideale”,  che si batte per difendere le identità e le tradizioni dei popoli in un mondo governato dalla globalizzazione e dal consumismo che cerca sempre più di cancellare le nostre radici. Faccio inoltre parte del Comitato “Oltre ogni muro”, che celebra ogni anno la ricorrenza della caduta del muro di Berlino come festa dei popoli europei, e del Comitato “10 Febbraio”, che ricorda i martiri delle foibe e gli esuli giuliano-dalmati. In occasione del referendum sulla procreazione assistita del 2005, ho aderito al Comitato “Militanti per la vita”, che si batté con successo per l’astensione attiva.

La mia esperienza amministrativa in Comune e in Provincia

Da ormai due mandati, ho scelto di porre la mia esperienza e la mia passione al servizio del nostro territorio: nel 2011 mi sono candidato per la prima volta alle elezioni comunali e, con 224 voti di preferenza, sono risultato il Consigliere più votato di Trecate, tra i quasi 300 candidati delle 21 liste che hanno partecipato alla competizione elettorale: sono stato il consigliere più attivo, sia come partecipazione ai lavori dell’assemblea (indice di presenza oltre il 95%) che come produzione di atti, presentando nel quinquennio oltre 270 tra interrogazioni, mozioni e proposte di deliberazione, per approfondire e dare il nostro parere fortemente critico sull’operato della sinistra trecatese, riscuotendo anche importanti “vittorie” – non mie, ma di tutta la nostra Città – tra le quali la campagna per dire NO a un inceneritore di rifiuti sanitari pericolosi tra Trecate e la nostra frazione San Martino e un secco NO alla zona a traffico limitato nel centro della nostra Città.

Alle comunali del 2016, i trecatesi mi hanno dato fiducia per percorrere altri cinque anni insieme: con 255 voti personali sono risultato nuovamente il più votato della nostra Città. Il nostro partito, Forza Italia, ottiene ben 850 voti, mentre “Cambiamo Trecate”, la lista civica che portava il mio nome nel simbolo, ben 356: un risultato oltre ogni previsione (pari al 13,14%) che premia costanza, passione e coerenza. A seguito della vittoria del centrodestra, l’8 Luglio sono stato eletto Presidente del Consiglio comunale al primo scrutinio, a dimostrazione che la mia correttezza è stata apprezzata non solo dai consiglieri della maggioranza di centrodestra. Si tratta di un incarico che sto portando avanti con la consueta costanza e tenacia, realizzando già nei primi mesi lo streaming del Consiglio comunale, grazie alla preziosa collaborazione del Consigliere incaricato a innovazione e nuove tecnologie Stefano Bandi, e avviando un processo di partecipazione attiva della cittadinanza alle scelte politiche e amministrazione con l’istituzione a tempo di record delle Consulte civiche.

Nel gennaio 2017, il nostro gruppo politico mi individua tra i candidati nella Provincia di “secondo livello”: con 3650 voti ponderati vengo eletto per la prima volta a Palazzo Natta, unico trecatese tra i dodici eletti di questo importante consesso: un incarico che porterò avanti per tutto il mandato senza percepire alcuna indennità o gettone, con il solo scopo di far sentire la nostra voce e le istanze dei nostri territori.


Per contattarmi, puoi inviarmi una e-mail all’indirizzo: info@andreacrivelli.it; puoi anche contattarmi sul mio profilo di Facebook, Twitter o YouTube.